Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit
TWITTER GPLUS FACEBOOK BEHANCE PINTEREST
psicologa psicoterapeuta

L’ansia mi farà impazzire! I miti da sfatare sull’ansia

A cura della psicologa psicoterapeuta Francesca Cervati

L’ansia è tra i disturbi più affrontati all’interno di uno studio di psicoterapia individuale: spesso, quando siamo in preda ad una forte ansia finiamo col preoccuparci maggiormente delle sue possibili conseguenze. Crediamo di poter avere un infarto, un ictus, soffocare o svenire. 

Questi pensieri “catastrofici” non fanno che aumentare la nostra ansia e ad amplificare i nostri sintomi, dando luogo a un circolo vizioso. 

Proviamo a prendere in esame i più comuni falsi miti sulle conseguenze dell’ansia e a capire perché spesso si tratta di pensieri irrazionali.

Affrontare le credenze disfunzionali legate all’ansia e alle sue possibili conseguenze può essere uno degli elementi chiave di un percorso di psicoterapia individuale cognitivo comportamentale.

Perdere il controllo o impazzire

Alcune persone temono di “perdere il controllo” durante una crisi d’ansia. Temono di non aver più coscienza delle proprie azioni e/o di fare cose strane e imbarazzanti, come correre in giro urlando oscenità o aggredire gli altri. 

Quando si scatena la reazione di ansia, l’organismo si prepara a fuggire o a combattere: se manca un reale pericolo fisico, questo porta a sentirsi confusi, strani e come costretti a muoversi, a correre via. 

In realtà, per quanto questa sensazione di confusione sia sgradevole, l’ansia non ci rende incapaci di intendere e di volere. Nonostante l’ansia restiamo perfettamente in grado di capire chi siamo e cosa fare!

Avere un attacco di cuore

Se siamo in preda ad un attacco di panico possiamo sentire il battito del cuore accelerato e pensare di avere un infarto.

I sintomi dell’ischemia cardiaca, tra i quali ci sono la mancanza di fiato e il dolore toracico, sono sì simili a quelli del panico, ma non identici:

  • I sintomi cardiaci sono in genere legati a uno sforzo fisico e migliorano con il riposo;
  • I sintomi dell’attacco di panico, invece, si manifestano anche a riposo e talvolta durante il sonno

Inoltre alle crisi cardiache corrispondono alterazioni evidenti dell’attività elettrica del cuore, mentre gli attacchi di panico portano solo a un aumento della frequenza del battito cardiaco. 

Quando abbiamo un attacco di panico il nostro corpo secerne adrenalina che causa un aumento del ritmo cardiaco: un modo per prepararci a gestire al meglio situazioni di pericolo.

Pensiamoci bene: se l’adrenalina danneggiasse il cuore o il corpo, come avrebbe potuto l’uomo sopravvivere e arrivare ai giorni nostri? Non dovremmo essere tutti estinti?

Soffocare

La sensazione di soffocamento che possiamo provare durante un attacco di panico o di ansia è dovuta alla respirazione: in questi momenti ci sembra di soffocare perché stiamo respirando male.

Per dirla in termini tecnici, durante un attacco di panico o di ansia tendiamo spesso a iperventilare. Quando iperventiliamo facciamo arrivare più ossigeno ai polmoni, ma ne arriva meno ad alcune aree del cervello.

La cattiva ossigenazione del cervello aumenta la sensazione di soffocamento, peggiorando i sintomi provocati dagli attacchi d’ansia e di panico.

Svenire

Durante un attacco di panico o di ansia la mente sembra confusa, annebbiata, poco lucida: questo è sempre dovuto alla respirazione. Uno degli effetti dell’iperventilazione è proprio la sensazione di svenimento, anche se difficilmente può accadere. 

Ciò che causa lo svenimento, infatti, è una drastica caduta della pressione sanguigna: quando è molto bassa, allora si sviene. 

Quando ci sentiamo ansiosi avviene proprio il contrario: la pressione si alza e il ritmo cardiaco accelera. 

Cosa significa? Significa che quando ci sentiamo ansiosi, proprio perché il nostro cuore pompa di più e la nostra pressione aumenta, esistono poche probabilità di svenire. 

Un attacco d’ansia o di panico può colpire chiunque, tuttavia la psicoterapia individuale è il percorso più indicato quando la frequenza e la forza degli attacchi rende difficile la vita quotidiana.